Mostre a Milano 2016: cosa non devi perderti?

Mostre d'arte in Italia

Tutte le mostre 2016 da non perdere a Milano

Milano è una di quelle città da cui durante l’estate si evade in cerca di refrigerio e di mare. C’è sempre, però, chi rimane sia per lavoro sia per scelta e allora a tutti voi consiglio di dare una occhiata agli eventi da non perdere a Milano fino a settembre. Per chi, invece, si volesse concedere qualche visita alle mostre d’arte in programma a Milano, qui di seguito l’elenco delle mostre da non perdere.

La bellezza ritrovata

Avrete tempo fino al 17 luglio 2016 per visitare la mostra “La bellezza ritrovata: Caravaggio, Rubens, Perugino, Lotto e altri 140 capolavori restaurati” all’interno dei prestigiosi spazi di Piazza Scala presso le Gallerie d’Italia. Oltre 140 opere riportate al loro antico splendore, grazie ad una operazione di restauro molto importante, curata da Intesa San Paolo. Una esposizione che stimola una riflessione sul concetto di una bellezza estetica, quella dell’opera d’arte, la cui deperibilità invoca una maggiore sensibilità in termini di tutela e valorizzazione.

Tra le opere che si possono ammirare: il “Ritratto del Cavaliere di Malta” di Caravaggio e il “Cristo risorto” di Pieter Paul Rubens, mentre di Perugino verrà esposta la “Crocifissione“. Dello stesso artista, si trova sempre a Milano, nelle sale della Pinacoteca di Brera, lo “Sposalizio” accanto all’omonima opera di Raffaello. Occasione unica per osservare l’opera dell’allievo a confronto con quella del suo maestro.

Una mostra dedicata a Escher

Per gli appassionati dell’arte contemporanea, non distante da Piazza Scala, Palazzo Reale presenta la mostra di Escher, accessibile fino al 22 gennaio 2017, con una produzione originale e molto ampia dell’artista olandese.

Maurits Cornelis Escher, considerato uno degli artisti più ammirati del Novecento, sarà raccontato dalle sue opere: xilografie, litografie, disegni e acquarelli, attraverso le quali verrà messa in luce l’evoluzione della sua arte, che partendo da alcune suggestioni di stile Liberty e le evidenti influenze dell’arte italiana, hanno permesso ad Escher di elaborare un suo stile assolutamente personale, che combinato con una sapienza grafica e tecnica di altissimo livello, lo hanno reso così importante.

Umberto Boccioni. Genio e memoria

Sempre a Palazzo Reale, fino al 3 luglio, una rassegna intitolata “Umberto Boccioni. Genio e memoria.”

In occasione del 1° centenario della morte dell’artista, la rassegna è incentrata sulla breve ma intensa carriera di Boccioni con particolare attenzione al periodo milanese, presentando al pubblico circa 300 opere, tra disegni, dipinti, sculture, incisioni, fotografie d’epoca, libri, riviste e documenti.

La mostra si divide in due ampie sezioni: “Il giovane Boccioni” (1906-1910) e “Boccioni futurista” (1911-1916), quest’ultima mette in evidenza la sua adesione al Futurismo, esaltando la relazione tra l’elaborazione teorica degli scritti e dei manifesti di Boccioni e la sua produzione pittorica e plastica.

La mostra vuole essere un omaggio ad uno dei protagonisti delle Avanguardie del Novecento.

Milano Duomo
Piazza Duomo a Milano su cui si affacciano il Duomo e l’ingresso della Galleria Vittorio Emanuele

Joan Mirò. La forza della materia

Un’altra delle mostre a Milano che non dovrete perdere è quella dedicata a Mirò e allestita al MUDEC.

Fino all’11 settembre 2016, il Mudec di Milano presenta “Joan Miró. La forza della materia“, fruibili al pubblico molte opere provenienti dalla Fundació Joan Miró di Barcellona, oltre ad alcune opere inedite provenienti dalla collezione della famiglia Mirò, difficilmente visibili al grande pubblico.

L’esposizione ripercorre l’intera produzione dell’artista catalano, dal 1931 al 1981, divenuto famoso a livello mondiale per la leggerezza visiva delle sue opere, in cui arte e poesia si fondono insieme creando opere di unica originalità. Lo spettatore sarà introdotto in questo mondo colorato e surreale dell’artista spagnolo.

Questa estate l’arte a Milano non va in vacanza!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: