Come trasportare i farmaci in viaggio?

Medicinali in viaggio

Consigli per uso, conservazione e trasporto dei farmaci


Una volta nella vita potrebbe capitare di dover trasportare farmaci in viaggio e bisogna fare molta attenzione perché, sebbene si possa correre il rischio di sottovalutare la situazione, la loro efficacia potrebbe alterarsi durante i nostri spostamenti.

Ad esempio con le alte temperature diventa davvero difficoltosa la corretta conservazione dei farmaci, dal momento che alcune cattive abitudini potrebbero comprometterne l’efficacia, la qualità e la sicurezza. Il caldo può alterare il funzionamento dei farmaci influendo sui meccanismi di azione e sul loro assorbimento.

L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha redatto una guida con consigli pratici per sapere come trasportare i farmaci in viaggio ed essere sicuri di non ingerire un prodotto alterato.

Consigli su come trasportare i farmaci in viaggio

  • Quando è indicata la temperatura di conservazione bisogna rispettarla, soprattutto per antibiotici, insulina, analgesici, adrenergici e sedativi. Inoltre questi farmaci non devono essere esposti a fonti di calore (es. raggi del sole). Nel caso in cui non rispetti la temperatura indicata, il farmaco potrebbe diventare dannoso per la tua salute.
  • Se la temperatura di conservazione non è specificata, il medicinale deve essere conservato in luogo fresco e asciutto a una temperatura inferiore ai 25°.
  • Se il farmaco è esposto per un lungo periodo (oltre 1 o 2 giornate) ad una temperatura superiore ai 25°, puoi ridurne notevolmente la data di scadenza.
  • Nel caso la temperatura si avvicini a 0°, ricordati che le basse temperature alterano i farmaci. Quindi è necessario fare attenzione ai luoghi che si attraverseranno.
  • Se si affronta un lungo viaggio in auto, è bene trasportare i farmaci nell’abitacolo, dato che nel bagagliaio potrebbero surriscaldarsi troppo.
  • I farmaci a base di insulina vanno conservati in frigorifero. Una volta aperti possono essere conservati a temperatura ambiente.
  • I farmaci per la tiroide, i contraccettivi e altri medicinali che contengono ormoni devono essere conservati a temperatura costante, dato che sono particolarmente sensibili alle variazioni termiche.
  • Per trasportare i farmaci in viaggio, non avendo a disposizione un frigo, puoi utilizzare un contenitore termico (in modo particolare per i farmaci spray e per quelli a base di insulina).
  • Ogni tipo di striscia per test diagnostici (es. test glicemico) è sensibile all’umidità e, se alterata, può restituire un valore non corretto. Pertanto fate attenzione a come trasportate le strisce.
  • Evita i portapillole se non esplicitamente destinati al trasporto dei farmaci perché potrebbero contenere sostanze nocive che vengono rilasciate quando si raggiungono alte temperature. Porta con te la confezione originale ed estrai solo la dose necessaria.
  • Quando il farmaco presenta un aspetto diverso dal solito e/o difetti nel colore e nell’odore, non assumerlo senza aver prima consultato il tuo medico o il farmacista.
  • Se viaggi in aereo, riponi i farmaci nel bagaglio a mano. Se sei in terapia con farmaci salvavita, porta con te le ricette di prescrizione, perché queste potrebbero essere richieste nelle fasi di controlli di sicurezza in aeroporto. I liquidi di volume non superiore a 100 ml possono essere trasportati all’interno del bagaglio a mano e devono essere riposti in una busta di plastica trasparente e richiudibile. Non ci sono restrizioni per i medicinali solidi come compresse e capsule.

 

Ecco qui sotto un esempio di contenitori termici per trasportare farmaci in viaggio.

Amo fare tantissime cose. Mi piace viaggiare, rigorosamente in treno. Mi piace parlare in francese, mia seconda lingua. Mi piace leggere e perdermi nelle pagine. Mi piace disegnare e creare nuovi tratti.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: