Una tassa di sbarco per Positano?

Positano

Una tassa per chi accede via mare alla città verticale

Positano, una delle perle della Costiera Amalfitana, è una città che soffre. Troppi turisti che la affollano d’estate rendendola invivibile per gli stessi turisti e per i residenti.

La città verticale è una delle poche località della Costiera Amalfitana a non aver applicato la tassa di soggiorno, ma sta pensando ad un tassa di sbarco così come è stata introdotta per l’Isola d’Elba e le altre isole toscane.

Il Sindaco di Positano sta pensando di applicare una tassa di sbarco che saranno costretti a pagare tutti coloro che approderanno nel territorio comunale via mare, con l’obiettivo di avere più fondi a disposizione da investire per il miglioramento delle strutture destinate ai turisti e di limitare in qualche modo il turismo “mordi e fuggi”. Molti rappresentanti locali sono pronti ad appoggiare la scelta del Sindaco, che dovrà essere in regola con la normativa vigente. La disponibilità di posti letto in tutta la Costiera Amalfitana ammonta a circa 10.000, mentre i visitatori giornalieri sono in numero 10 volte maggiore.

Per alcune destinazioni italiani il problema del sovraffollamento c’è e si fa sentire prepotentemente. È appunto il caso di Positano, che durante l’estate si ritrova ad accogliere molte più persone di quanto possano contenerne le sue strette strade e i suoi piccoli locali.

Sono laureata in Economia del Turismo, lavoro nel turismo dal 2008 e ho ricoperto diversi ruoli. Nel 2012 ho fondato Le tue notizie di viaggio per aiutare i viaggiatori a spostarsi nel mondo in sicurezza e consapevolmente. Se vuoi saperne di più su di me clicca le icone qui sotto o visita il mio sito personale.

Guarda un po' qui...


Condividi con chi vuoi tu!

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *