giovedì, Maggio 23

Come scegliere la lampada da campeggio perfetta?

campeggio notturno
Condividi con chi vuoi tu!

I nostri consigli per acquistare la lampada da campeggio che fa per te

Chi fa abitualmente vacanze in campeggio o escursioni che si prolungano per più giorni sa bene che uno dei punti forti di questo tipo di attività sta proprio nel potersi godere la calma e il fascino della notte in mezzo alla natura.

In estate è piacevole stare all’aperto, magari chiacchierando con gli amici o leggendo un libro. Per godersi al meglio questa esperienza c’è una cosa che non può mancare nell’attrezzatura di ogni buon campeggiatore o trekker: una fonte di luce.

La torcia di uno smartphone non è affatto sufficiente in tale situazione, così come potrebbe non bastare una torcia elettrica. La scelta migliore è una lampada da campeggio, che produrrà tutta la luce di cui avrai bisogno.

Perché proprio una lampada da campeggio e non una normale torcia?

Innanzitutto perché la torcia è pensata per emettere luce in una sola direzione e serve per illuminare un punto specifico a grande distanza. È ottima in caso di esplorazioni, ma meno quando si tratta di rimanere fermi in un posto.

Una lampada da campeggio, invece, ha un fascio di luce meno esteso, ma può illuminare un’area molto maggiore. Riesce a produrre la stessa illuminazione che avremmo in una stanza.

Per questo motivo deve avere delle caratteristiche particolari:

  • non deve essere molto intensa e abbagliante perché altrimenti darebbe fastidio)
  • deve comunque essere abbastanza potente da coprire un’area sufficiente
  • deve avere un’autonomia tale da poterla lasciare accesa anche per tutta la notte
  • non deve perdere intensità con il passare del tempo.

Trovare prodotti di questo tipo non è difficile. Sul web ci sono tanti siti specializzati in attrezzatura da campeggio che possono fare al tuo caso. Ad esempio puoi dare un’occhiata alle torce da campeggio di Addnature per farti un’idea dei vari prezzi e modelli. Prima dell’acquisto, però, è fondamentale capire bene cosa cambia tra le varie tipologie.

Oggigiorno le lampade da campeggio utilizzano quasi unicamente l’illuminazione a LED. Ciò che cambia è però la tipologia di alimentazione.

La più semplice è la lampada da campeggio a batterie. Di sicuro comodissima perché la si può usare in qualunque momento e in qualunque luogo ci si trovi, ha però alcuni lati negativi. Quello principale è la durata. Di solito le lampade di questo tipo non durano oltre i 4 giorni di utilizzo notturno, momento in cui si renderà necessario cambiare le batterie. Alcuni modelli sono compatibili con le batterie ricaricabili, ma in questo caso avrai comunque bisogno di una rete elettrica per la ricarica. In compenso, oltre la comodità, possono vantare una potenza invidiabile che può arrivare anche a 100W a seconda dei modelli.

Un’ottima alternativa potrebbe essere una lampada da campeggio solare. Come è facile capire dal nome, le lampade di questo tipo sono dotate di un piccolo pannello solare e si ricaricano da sole durante il giorno. Sono ottime se si va in posti particolarmente isolati, in cui è difficile non solo trovare una rete elettrica, ma anche un negozio che venda delle batterie (sempre che tu non abbia portate quelle di scorta). Il lato negativo è il tempo necessario per una ricarica completa e la pochissima autonomia: solitamente non superano le 4 ore. Un acquisto da valutare con cura.

Un’altra tipologia di lampade sono le lampade da campeggio dinamo. Cosa vuol dire? Si tratta di lampade dotate di una batteria interna, che può essere ricaricata girando l’apposita manovella che si trova sul lato. Ci vuole un po’ di olio di gomito, ma è possibile averla pronta in poco tempo in caso di emergenza. La maggior parte dei modelli ha varie tipologie di alimentazione, compresa quella a batteria.

Per gli amanti del classico, in commercio si trovano diversi modelli di lampada da campeggio a gas. In questo caso la fonte di alimentazione è costituita da piccole compresse di gas che vanno inserite all’interno della camera di combustione. I pregi consistono soprattutto nella luce che emana, molto intensa e calda, e dalla buona durata di una singola ricarica di gas. Bisogna maneggiarla con cura per non scottarsi o per non provocare vampate e richiede una manutenzione relativamente frequente. Inoltre il flusso del gas produce un caratteristico sibilo che alcuni potrebbero trovare fastidioso.

Ora hai le idee più chiare per scegliere la lampada da campeggio perfetta per le tue esigenze.

Condividi con chi vuoi tu!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *