Il lato industriale di Milano in 6 itinerari

Milano Duomo

Archeologia industriale a Milano per scoprire un’altra città.

L’archeologia è la scienza che, attraverso la raccolta delle tracce materiali lasciate, studia civiltà e culture del passato e le loro relazioni con l’ambiente. L’industria ha segnato alcuni momenti del passato della civiltà umana soprattutto in Europa. Con il passare del tempo le aree adibite a luoghi per fabbriche e industrie sono state sempre più abbandonate per sviluppare attività nei centri città dedicate alla erogazione dei servizi.

Questo passaggio ha lasciato dietro di sé aree, che si possono definire, “fantasma” poiché negli anni sono state soggette a decadenza e abbandono. Da alcuni anni è iniziato l’interesse verso queste zone per farne luoghi di visite da parte dei turisti. Ne è un esempio il villaggio Crespi d’Adda, non a caso divenuto Patrimonio dell’Umanità nel 1995. Ora anche la città di Milano può annoverare una sua archeologia industriale da poter mostrare ai turisti in cerca di un punto di vista diverso della città.

È per questo che il Comune di Milano ha sviluppato alcuni percorsi alternativi per mostrare il lato industriale della città.

 

Si tratta di 6 itinerari:

  • Archeologia industriale
  • Istruzione e Lavoro
  • Reti e Trasporti
  • Banche e Finanza
  • Musei e Fondazioni d’Impresa
  • Nuove Architetture per il lavoro

che si pongono l’obiettivo di far scoprire, sia ai turisti che agli stessi milanesi, la Milano Industriale tra vecchi macchinari e suggestivi quartieri, dimora degli operai dell’epoca, così da mostrare il lato meno conosciuto della cittadina simbolo dell’industria italiana.

I 6 itinerari seguono un ordine logico in modo tale da presentare tutto il percorso, che parte dalla formazione del lavoratore (sia operaio che futuro dirigente) fino alla nascita dell’azienda.

Potremmo quindi iniziare il nostro tour partendo dal Politecnico di Milano, prima istituzione universitaria della città, passando poi per la stazione centrale di Milano (una tra le più grandi stazioni ferroviarie in Europa), il Museo nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” e finire il nostro cammino con il palazzo della Borsa di Milano noto anche come Palazzo Mezzanotte.

Si potranno ammirare inoltre, la Fabbrica del Vapore – Ex Società Italiana Carminati Toselli, l’ex Corriere della Sera, Volandia Parco e Museo del volo, la sede Rai di corso Sempione e molti altri. L’idea nasce dal progetto promosso da Assolombarda e realizzato da Giorgio Bigatti, autore di numerosi saggi sulla storia dell’Industria, nonché docente di Storia Economica e con la collaborazione di Fabrizio Trisoglio e Andrea Strambio è nata la “Milano Industriale”.

Per tutte le informazioni di cui hai bisogno puoi fare riferimento al sito ufficiale www.turismo.milano.it o affidarti alle app dedicate per dispositivi Android e IOS.

One Comment

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: