Visitare Roma in bicicletta

È nato il Grande Raccordo Anulare in Bici a Roma.

Il Giubileo di quest’anno non porterà solo pellegrini nella capitale, ma anche appassionati delle due ruote.

È stato infatti approvato, il 22 dicembre scorso, assieme alle altre opere per il Giubileo, il GRAB, Grande Raccordo Anulare delle Bici.

Il progetto, che ha visto la collaborazione di VeloLove, Legambiente, Touring Club Italiano, Parco Regionale dell’Appia Antica, Rete Mobilità Nuova e Salvaiciclisti, prevede la creazione di un percorso ciclopedonale cittadino di 44, 2 km. Si tratta del percorso ciclopedonale più grande al mondo.

Il tragitto è completamente pianeggiante e si snoda soprattutto lungo vie pedonali e ciclabili, parchi, aree verdi e argini fluviali, mentre solo una piccola parte attraversa marciapiedi e strade secondarie a bassa densità di traffico, offrendo la possibilità di ammirare aree archeologiche e storiche di grandissimo interesse, periferie e quartieri densamente popolati.

Michela Valentini, ad del Tour Operator che sostiene il progetto GRAB e che ha ideato i primi due pacchetti afferma che “I turisti rifuggono le proposte che vengono create solo per loro: più Romani si innamoreranno di un’idea di città a misura di bici più i turisti saranno attratti dal GRAB”. È questo infatti l’obbiettivo ambizioso del GRAB: creare una valida alternativa di visita alla città eterna sia per i turisti che per i residenti, un moderno Grand Tour su due ruote con la possibilità, per chi lo volesse, di acquistare pacchetti convenienti di soggiorno in città ed accompagnamento al percorso a prezzi vantaggiosi.

Sono già attivi i weekend del GRAB, i pacchetti sopra citati di Un’altracosa Travel, volti a sostenere questa importante iniziativa, ancora in divenire. Sono ancora, infatti, diverse le criticità da risolvere nel percorso, ma la partecipazione delle associazioni e dei cittadini è alta e la stima è di risolvere i problemi e di riuscire a collegare l’intero percorso entro 6 mesi.

I tragitti proposti sono 2:

  • uno parte dal Colosseo e attraversa il Parco Regionale dell’Appia Antica, fino ad arrivare nella borgata del Quadraro, un “paese nella città”, nato agli inizi del ‘600 e divenuto poi un valoroso centro antifascista. Oggi sede di “Street art M.U.Ro”, un vero e proprio museo di opere a cielo aperto, soprattutto murales, di importanti artisti contemporanei;
  • il secondo parte dalla culla della Street Art per attraversare luoghi a traffico pressoché nullo, sentieri in terra battuta costeggianti splendide rovine dell’antichità, che già affascinarono i viaggiatori del Grand Tour tra ‘700 e ‘800, scavalcando il fiume Almone per poi tornare al punto di partenza del giro.

Per informazioni: info@talentiitaliani.it, tel 064741230, www.talentiitaliani.it.

2 Comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: