Belfast

Cosa vedere a Belfast?

Cultura, storia e natura si fondono in una città


Una storia che comincia dall’età del bronzo. Belfast, capitale dell’Irlanda del Nord, ha davvero molti argomenti di cui far parlare di sé.

Chi non conosce i rinomati murales, i quali è possibile visitare prendendo parte ad un tour, che riflettono l’appartenenza politica e religiosa delle comunità rispettivamente cattolica e protestante?

Superfluo domandare chi non rammenta la tragica sorte del Titanic, il transatlantico britannico di classe Olympic, costruito nei cantieri navali di Belfast e passato alla storia per la collisione con un iceberg nella notte tra il 14 ed il 15 aprile 1912. La città ha in ricordo del Titanic ha realizzato il Titanic Belfast, un imponente edificio che sorge nel luogo in cui il transatlantico è stato realizzato. Il Titanic Belfast è stato progettato con una sagoma particolarissima, che ricorda la prua di una nave, ed è riconosciuto come la maggiore attrazione turistica del mondo dedicata al Titanic. Ben 9 gallerie accompagnano i visitatori, i quali possono scegliere tra tour a piedi e visite del Dock And Pump House, in un percorso che va dalla tradizione navale di Belfast fino al ritrovamento del relitto.

Belfast unisce sapientemente fantastiche esperienze all’aperto ad importanti musei che permettono di scoprire la città al meglio.

Splendido e di rara bellezza è il giardino botanico. Al suo interno la serra, la Palm House è uno dei primi esempi di architettura curvilinea in ghisa e vetro, e l’Ulster Museum, che vanta collezioni di uccelli, mammiferi, insetti, molluschi, invertebrati marini, piante, alghe e licheni, così come un archivio di libri e manoscritti relativi alla storia della natura irlandese e materiale proveniente dalle collezioni d’arte e di arte applicata, archeologia, etnografia, tesori della Invencible Armada (flotta approntata dal re di Spagna Filippo II e naufragata sulle coste della Gaint’s Causeway nel 1588), della storia locale, numismatica, industriale archeologia, botanica, zoologia e geologia.

Parlando di luoghi culturali, è impossibile non citare il Waterfront Hall, un imponente edificio utilizzato per concerti e conferenze e conosciuto per la sua acustica eccezionale.

Se tutto ciò non basta a rispondere alla domanda “perché andare a Belfast?”, aggiungiamo una ragione in più: la cucina, che offre ristoranti premiati con stelle Michelin oppure locali più semplici, ma che soddisfano comunque tutti i palati. I pub tradizionali offrono la possibilità di degustare birre artigianali, mentre nei bar è possibile gustare cocktail esclusivi accompagnati da musica jazz.

L’eccezionalità di Belfast, che la rende una città assolutamente da visitare, viaggia tra storia, cultura e cinema.

Per maggiori informazioni: http://www.ireland.com/

Angelica Ximenes

Studentessa alla Facoltà di Lettere dell'Università di Sassari, alterno lo studio alla lettura e alla scrittura. Curiosa e amante dei viaggi, aspiro ad un futuro che mi consenta di mettere a frutto i miei studi.

1 commento

  1. […] New York Times l’ha annoverata tra le città più vitali d’Europa: Belfast, città irlandese, nel 2015 si è confermata meta gradita di 300mila italiani. Un dato che non è […]

Rispondi