Viaggi in luoghi da brivido nel mondo

I luoghi da brivido nel mondo: tra Europa e Africa

La lista dei luoghi più inquietanti


Prosegue il nostro viaggio nei luoghi da brivido nel mondo. La scorsa settimana abbiamo pubblicato la lista dei 5 luoghi da brivido in Italia, dove abbiamo elencato i luoghi più spaventosi della nostra penisola.

Abbiamo deciso di proseguire il viaggio andando alla scoperta di storie da brivido e luoghi infestati tra l’Europa e l’Africa.

Un’idea di viaggio originale in vista di Halloween e del ponte di Ognissanti.

Europa

 

Romania

 

Tutti conoscono la storia del Conte Dracula, emblema del terrore rumeno e mondiale, ma in Romania c’è un altro luogo altrettanto spaventoso: la Foresta Hoia Baciu, la più infestata del mondo. Situata nella periferia di Cluj-Napoca, il suo nome deriva dai pastori che qui scomparirono con un gregge di più di 200 capi. La foresta è piena di alberi ed arbusti aggrovigliati tra loro in maniera apparentemente innaturale.

Vi sono stati molti avvistamenti UFO e scattate fotografie attestanti fenomeni paranormali. L’epicentro di tutti i fenomeni inspiegabili è una radura situata in un punto imprecisato della foresta, dove è tracciato un cerchio perfetto in cui non crescono piante o erba, senza un motivo apparentemente comprensibile. Camminare di notte in cerca della radura è spaventoso e non si può fare affidamento al GPS, perché sembra che gli strumenti elettronici smettano di funzionare una volta addentratisi nella foresta.

Se vuoi cercare la radura munisciti quindi di una mappa, una torcia elettrica ed una macchina fotografica.

Regno Unito

 

Nel Regno Unito si trova il Villaggio di Pluckley, il più infestato del Paese, menzionato per questo anche nel libro dei “Guinnes World Record” nel 1989. Sono circa 15 le leggende di fantasmi che possono essere raccontate, tra cui una carrozza fantasma trainata da un cavallo che appare tra le strade del villaggio, lo spettro di un bandito ucciso e fissato ad un albero con una spada ed un bosco urlante le cui grida fanno gelare il sangue nelle vene.

Se sei intrigato dalla storia di questo villaggio e vuoi andare a caccia di spettri, allora non c’è niente di meglio di un soggiorno nella fattoria Elvey Farm, costruita nel 1400, dove vagano il fantasma di un fattore suicidatosi nel XVIII secolo ed un potenziale poltergeist.

Senza dubbio il Regno Unito vince la palma del paese più spettrale d’Europa, visto che vi sono almeno altri due luoghi da brivido da non perdere: Ramn Inn e Glamis Castle.

Il primo, nel Gloucestershire, è l’albergo più infestato del Paese dal 1100, costruito su un cimitero pagano e rifugio di criminali nel XIX secolo. Il proprietario afferma di convivere con demoni, streghe ed altre presenze e sono molti gli ospiti che hanno lasciato l’albergo dopo aver visto mobili che volavano o sagome di ragazzine in cima alle scale.

Il castello di Glamis in Scozia, invece, ospita una fortezza che ha un’alta concentrazione di presenze, almeno 20. Sono stati avvistati, tra gli altri, una strega nella cappella, una donna senza lingua che urla nel parco ed un uomo che gioca a dadi con il diavolo.

Francia

 

L’Abbazia di Mortemer è considerato il luogo più infestato della Francia.

Monastero cistercense costruito a Lisors nel 1134, vicino Rouen, è stato esorcizzato nel 1921. Qui Matilda d’Inghilterra, figlia di Henry I, vi fu rinchiusa dal padre per 5 anni ed il suo fantasma ancora aleggia nel luogo.

Quattro monaci vi furono uccisi durante la Rivoluzione Francese ed ancora le loro presenze infestano il monastero e se avvistate un gatto nero, potrete essere in presenza del gatto di un goblin che fa da guardiano al tesoro di un monastero.

Africa

 

Sudafrica

 

La Rudd House a Kimberley, in Sudafrica, fu costruita nel 1870 da H. P. Rudd, presidente della De Beers Mining Company. La sua discendenza ha abitato la casa fino a quando non si sono iniziati ad udire i pianti di un bambino e vedere l’argenteria spostarsi rumorosamente. Il famoso chiaroveggente PK Le Sueur ha studiato la casa per anni, affermando di aver visto sfere incandescenti e strane manifestazioni. Un’altra storia narra di tre giornalisti sedutisi attorno ad un tavolo per farsi fotografare, ma solo due sono apparsi nella foto che è stata poi sviluppata.

Sempre in Sudafrica, la originaria Kimberley Public Library, costruita nel 1882, è ormai un vecchio museo decadente, con scale a chiocciola e un catalogo di oltre 14.000 libri ancora intatto. In passato vi lavorava un libraio, Bertrand Dyer, che amava far soldi dichiarando prezzi falsi dei libri. Scoperto, si suicidò bevendo del cianuro, impiegando più di 3 giorni a morire. Se cerchi un libro con precisione tra i 14.000 non disperare: ti basterà urlarne il titolo e il vecchio libraio lo getterà dallo scaffale per te.

Hai visitato qualche altro luogo da brivido in Europa o Africa? Raccontacelo nei commenti.

Letizia Sclavi

Archeologia e viaggi sono le mie passioni innate, supportate dai libri, che ne sono il fondamentale nutrimento.

Rispondi